Passa ai contenuti principali
EURES (EURopean Employment Services)
Articolo2 marzo 2023Autorità europea del lavoro, Direzione generale per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione

Millennial e Gen Z sul luogo di lavoro: analogie e differenze

I millennial e la Gen Z costituiscono una grossa fetta della forza lavoro europea, ciascuna categoria con competenze e caratteristiche proprie. Scopri di più sul loro approccio al lavoro, così potrai assumere, trattenere e gestire meglio i lavoratori di questi due gruppi demografici.

Millennials and Gen Z in the workplace: similarities and differences
Unsplash

Noi di EURES siamo consapevoli che le affermazioni contenute in questo articolo non si applicano a tutta la Gen Z o a tutti i millennial. Abbiamo generalizzato per illustrare meglio le analogie e le differenze più comuni tra i due gruppi.

Chi sono i millennial e la Gen Z?

È difficile dare una definizione precisa di questi due gruppi demografici, dato che non c’è consenso al riguardo. In generale possiamo dire che i millennial sono persone nate all’incirca tra il 1981 e il 1995, mentre quelle della Gen Z tra il 1995 e il 2012.

Analogie tra millennial e Gen Z sul luogo di lavoro

  • Uso della tecnologia

Come nativi digitali, i millennial e la Gen Z sono abituati a imparare a utilizzare nuovi dispositivi e software. Entrambe le generazioni si aspettano una digitalizzazione dei processi di lavoro ove possibile, compresa le comunicazioni interne ed esterne (chat, posta elettronica e chiamate audio/video). I datori di lavoro non dovrebbero disattendere questa aspettativa se vogliono essere più attrattivi per i millennial e la Gen Z in cerca di lavoro.

  • Contributo al bene comune

Secondo la Global 2022 Gen Z and Millennial Survey (indagine globale 2022 sulla Gen Z e sui millennial) dellaDeloitte, entrambe le generazioni considerano importante la responsabilità sociale delle imprese e vogliono lavorare per le imprese e le organizzazioni che condividono i loro valori. Poiché tendono a interessarsi di questioni ambientali e politiche, per entrambi i gruppi demografici è importante che il datore di lavoro faccia la differenza per la collettività.

  • Riconoscimento immediato dei risultati conseguiti

Queste due generazioni si aspettano in genere un riconoscimento immediato del lavoro svolto. Gratificare i piccoli traguardi raggiunti mediante un sistema basato sulle prestazioni, ad esempio, può essere un ottimo fattore di motivazione per i tuoi collaboratori.

  • Comunicazione costante e aperta

Stando agli studi entrambe le generazioni si aspettano che i datori di lavoro comunichino con loro in modo chiaro e che istituiscano canali di feedback regolari (ad esempio riunioni settimanali di aggiornamento).

Differenze tra millennial e Gen Z sul luogo di lavoro

  • Equilibrio tra vita professionale e vita privata rispetto all’avanzamento di carriera

Mentre i millennial hanno tendenza a dare importanza a un sano equilibrio tra vita professionale e vita privata, la Gen Z è più propensa alla carriera e motivata dal punto di vista finanziario. Quindi, se i tuoi collaboratori sono composti per lo più da millennial e da Gen Z, faresti bene a concentrarti sugli aspetti che contribuiscono all’equilibrio tra vita professionale e vita privata e sugli incentivi economici.

  • Flessibilità rispetto alla stabilità del posto di lavoro

Gli studi dimostrano che i millennial sono portati a prediligere la flessibilità del lavoro, cioè si aspettano che il lavoro si adatti a loro. Sono anche maggiormente disposti a cambiare lavoro se il posto non soddisfa più le loro esigenze. La Gen Z, dal canto suo, è stata colpita più duramente dalla disoccupazione, motivo per cui preferisce un posto di lavoro stabile e sicuro.

  • Riscontro positivo rispetto a riscontro diretto

Come già detto, entrambe le generazioni apprezzano un feedback regolare. Tuttavia, mentre la Gen Z preferisce un feedback diretto, i millennial sono per lo più sensibili alle critiche e reagiscono meglio a feedback se dati con incoraggiamento e positività.

  • Comunicazione scritta/visiva rispetto ai video

Le due generazioni preferiscono diverse forme di comunicazione in base alle piattaforme di social media favorite. Ad esempio, i millennial sono molto più propensi a utilizzare Facebook, Twitter e LinkedIn, quindi rispondono meglio a una comunicazione testuale e visiva (immagini), Mentre la Gen Z preferisce la comunicazione video di breve durata, in quanto tendono a prediligere piattaforme come YouTube e TikTok. Si tratta di un aspetto da tenere presente quando pubblichi offerte di lavoro o prepari comunicazioni/formazioni interne per i tuoi collaboratori.

Comunicare un feedback negativo può essere difficile, ma è una parte importante della gestione dei dipendenti e può rafforzare il rapporto di collaborazione se fatto nel modo giusto. Leggi questo articolo per scoprire come riuscirci.

 

Link correlati

Gen Z ‘Stans’ Feedback - Here’s How to Structure It Best (La Gen Z fan del feedback: ecco come strutturarlo al meglio)

Come fornire un feedback negativo ai dipendenti in modo sensibile

The Deloitte Global 2022 Gen Z and Millennial Survey (L’indagine globale 2022 sulla Gen Z e sui millennial di Deloitte )

 

Per saperne di più

Giornate europee del lavoro

Trova consulenti EURES

Vita e lavoro nei paesi EURES

Banca dati delle offerte di impiego EURES

Servizi EURES per i datori di lavoro

Calendario degli eventi EURES

Prossimi eventi online

EURES su Facebook

EURES su Twitter

EURES su LinkedIn

Temi
Affari/imprenditorialitàSuggerimenti e ideeTendenze di reclutamento
Sezioni correlate
Suggerimenti e ideeInformazioni sul mercato del lavoro
Settore
Accomodation and food service activitiesActivities of extraterritorial organisations and bodiesActivities of households as employers, undifferentiated goods- and servicesAdministrative and support service activitiesAgriculture, forestry and fishingArts, entertainment and recreationConstructionEducationElectricity, gas, steam and air conditioning supplyFinancial and insurance activitiesHuman health and social work activitiesInformation and communicationManufacturingMining and quarryingOther service activitiesProfessional, scientific and technical activitiesPublic administration and defence; compulsory social securityReal estate activitiesTransportation and storageWater supply, sewerage, waste management and remediation activitiesWholesale and retail trade; repair of motor vehicles and motorcycles

Disclaimer

Gli articoli hanno lo scopo di fornire agli utenti del portale EURES informazioni su temi e tendenze attuali e di stimolare la discussione e il dibattito. Il loro contenuto non riflette necessariamente il punto di vista dell'Autorità europea del lavoro (ELA) o della Commissione europea. Inoltre, EURES ed ELA non approvano i siti Web di terzi sopra menzionati.