Passa ai contenuti principali
EURES (EURopean Employment Services)
Articolo12 aprile 2021Autorità europea del lavoro, Direzione generale per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione

Assistenza agli anziani in Germania: la storia di Sara e Aitor

Come molti paesi dell’UE, la Germania soffre da tempo di una carenza di prestatori di assistenza qualificati per anziani. EURES Germania ha deciso di affrontare questo problema tramite un progetto che combina il lavoro con la formazione professionale nel settore dell’assistenza geriatrica. Sara e Aitor sono due dei partecipanti al progetto.

Caring for older people in Germany: Sara and Aitor’s story
Sara Campillo Margalef

Quando Sara ha presentato domanda per partecipare al progetto di qualificazione internazionale di EURES Germania, non aveva mai lavorato nel campo dell’assistenza geriatrica. «Ero in un momento della mia vita in cui avevo bisogno di un cambiamento radicale», spiega. «Ero attratta dalle professioni legate all’assistenza geriatrica. L’idea di poter aiutare le persone che non riescono a reggersi in piedi da sole mi sembrava bellissima».

Colloqui in stile «speed dating»

La prima tappa per Sara è stata la partecipazione a colloqui in stile «speed-dating» (letteralmente «appuntamenti veloci») con nove case di riposo ad Amberg, in Baviera. Durante i colloqui, la consulente EURES Carmen Kräutner ha provveduto alla traduzione. Carmen, una delle figure chiave di questo progetto, intrattiene rapporti stretti con EURES Spagna grazie al suo profilo bilingue.

«Mi piace sostenere la mobilità e contribuire a creare una situazione vantaggiosa per tutti: le persone in cerca di lavoro, i datori di lavoro e, quando si parla di assistenza geriatrica, la società», afferma Carmen.

Sara si abitua alla sua nuova vita in Germania... e incontra Aitor

Dopo aver ottenuto un’offerta di lavoro, Sara si è iscritta a un corso di lingua tedesca per principianti in Spagna prima di trasferirsi in Germania per seguire un corso di integrazione a febbraio 2019. Inoltre ha ricevuto un sostegno finanziario a copertura delle spese di viaggio. Sara si è presto stabilita ad Amberg ed è qui che ha incontrato Aitor, il suo futuro partner. Aitor aveva precedentemente lavorato nel settore dell’assistenza geriatrica in Spagna, suo paese natio, però essenzialmente con contratti a termine che non gli garantivano stabilità.

Quando ha sentito parlare del progetto di EURES Germania tramite il servizio pubblico spagnolo per l’impiego, Aitor ha deciso di partecipare a un evento di «speed-dating» in Baviera. Come Sara, ha percepito un sostegno finanziario a copertura delle spese di viaggio e dei corsi di lingua.

Dopo essersi trasferito ad Amberg, dove ora convive con Sara, Aitor ha cominciato a lavorare presso la casa di cura di Phönix Lebenszentren e allo stesso tempo ha seguito un corso di formazione professionale.

Sara è ormai al secondo anno della sua formazione (Ausbildung) triennale, durante la quale combina il lavoro presso la residenza sanitaria assistenziale Seniorenheim der Diakonie con gli studi di infermieristica a tempo parziale. «È piuttosto impegnativo, soprattutto quando si studia in una lingua che non è quella materna, però credo sia una sfida che vale la pena affrontare», afferma.

«Siamo tuttora molto felici, motivati e grati»

Nel corso dell’ultimo anno, il settore dell’assistenza geriatrica è stato fortemente colpito dalla COVID-19. Ovviamente, Sara racconta che questo è stato un periodo stressante per il personale. Inoltre, i suoi studi sono stati interrotti a causa delle restrizioni, anche se da allora le lezioni sono riprese online.

Anche Aitor ha interrotto l’Ausbildung, ma ultimamente partecipa a un corso di integrazione online per migliorare il suo tedesco e spera di riprendere la sua formazione in tempi brevi.

Nonostante le inevitabili difficoltà, Sara e Aitor sono entrambi decisi a proseguire la formazione e sfruttare le ulteriori opportunità offerte nel loro settore in Germania.

«Siamo tuttora molto felici, motivati e grati per aver avuto la possibilità di venire qui in Germania per vivere e lavorare», afferma Sara. «È un’altra cultura, un altro paese, un’altra lingua e bisogna adattarsi a tutto, ma intendiamo restare qui per lavorare e formarci.»

Più «speed-dating» in programma per l’estate

Il progetto di EURES Germania è andato avanti durante la pandemia. I due cicli di assunzioni più recenti si sono svolti online, tuttavia il progetto è rimasto fedele al formato originario grazie a «speed-dating» virtuali.

Un gruppo di 18 candidati selezionati provenienti dall’Italia e dalla Spagna è arrivato in Baviera per iniziare a lavorare a febbraio e altri 90 candidati stanno completando corsi di lingua tedesca nei rispettivi paesi d’origine. Inizieranno a lavorare a settembre.

Carmen e le colleghe Carmen Allabar e Kim Prade, consulenti EURES come lei, tentano di allargare il progetto al di là della Baviera e hanno già avviato le discussioni con un datore di lavoro nella Turingia.

Nel frattempo stanno anche organizzando «speed-dating» per altri 90 posti vacanti nell’ambito del sesto ciclo di assunzioni del progetto, che si terrà a giugno o luglio.

Se sei interessato a partecipare a questo progetto, contatta il team all’indirizzo ZAV [dot] Regionenteam-Suedwesteuropaatarbeitsagentur [dot] de (ZAV[dot]Regionenteam-Suedwesteuropa[at]arbeitsagentur[dot]de).

Se sei interessato a conoscere altre opportunità disponibili in Germania, contatta zavatarbeitsagentur [dot] de (zav[at]arbeitsagentur[dot]de).

 

Per saperne di più

Giornate europee del lavoro

Trova consulenti EURES

Vita e lavoro nei paesi EURES

Banca dati delle offerte di impiego EURES

Servizi EURES per i datori di lavoro

Calendario degli eventi EURES

Prossimi eventi online

EURES su Facebook

EURES su Twitter

EURES su LinkedIn

Temi
Migliore pratica EURESNotizie sul mercato del lavoro/notizie sulla mobilitàStorie di successoGioventù
Settore
Human health and social work activities

Disclaimer

Gli articoli hanno lo scopo di fornire agli utenti del portale EURES informazioni su temi e tendenze attuali e di stimolare la discussione e il dibattito. Il loro contenuto non riflette necessariamente il punto di vista dell'Autorità europea del lavoro (ELA) o della Commissione europea. Inoltre, EURES ed ELA non approvano i siti Web di terzi sopra menzionati.